SCONTRINO ELETTRONICO: COSA CAMBIA DAL PRIMO GENNAIO
News
2 Gennaio 2020

SCONTRINO ELETTRONICO: COSA CAMBIA DAL PRIMO GENNAIO

Diventa obbligatorio per tutti dal primo gennaio lo scontrino elettronico.  Dovranno ora emetterlo gli operatori economici, commercianti, artigiani e tutti gli esercenti e che finora certificavano le operazioni mediante scontrino o ricevuta fiscale in relazione all’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri. L’obbligo, dunque, non riguarda più solo i 200mila esercenti che nel 2018 hanno dichiarato un volume d’affari superiore a 400mila euro per i quali l’obbligo è scattato a luglio 2019.

L’Agenzia delle entrate ha deciso di concedere sei mesi di moratoria sulle sanzioni, che sono state sospese fino al 30 giugno.

Questo cambiamento andrà, però a generare dei costi: sarà necessaria la sostituzione o l’aggiornamento dei registratori di cassa che porterà un probabile investimento tra gli 800 e i mille euro. Tuttavia, per l’acquisto del registratore telematico o per l’adattamento del vecchio registratore di cassa è concesso un contributo sotto forma di credito d’imposta pari al 50% della spesa sostenuta, per un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di adattamento. In alternativa sarà possibile il ricorso alla procedura web gratuita dell’Agenzia delle Entrate

Cosa cambia invece per i clienti?
Al momento del pagamento non riceverà più uno scontrino o una ricevuta ma un documento con valenza solo commerciale, privo di valore fiscale ma che potrà essere conservato come garanzia del bene o del servizio pagato, oltre che per procedere ad un eventuale reso. In accordo con il cliente sarà possibile evitare anche il documento cartaceo e avvalersi solo del formato elettronico a patto che si garantisca l’integrità e l’autenticità del documento.
La parte fiscale, quella utile per le agevolazioni, sarà memorizzata e trasmessa direttamente all’Agenzia delle Entrate. Nel caso in cui il cliente voglia avere copia del documento commerciale fiscale, il commerciante è obbligato ad emetterlo, ma il cliente può richiederlo in fase di acquisto e non in un secondo momento.
In generale, il vantaggio per i clienti risiede nella possibilità di avere una nuova garanzia digitale sui prodotti acquistati e di non avere più l’obbligo di conservare lo scontrino cartaceo per la presentazione in dichiarazione dei redditi nel caso in cui comporti delle detrazioni fiscali.
A luglio 2020, grazie ai nuovi registratori telematici, registratori di cassa in grado di connettersi a internet, si potrà partecipare alla lotteriadegli scontrini, considerata dal governo una nuova possibile arma anti-evasione.

 

Webinar

WEBINAR 30.09.2020 – “ASSUMIAMO” la Digital Transformation in ambito HR!

30 Settembre 2020
AULA VIRTUALE
Scopri
News
2 Settembre 2020

Partnership Faber ed eWitness per la digitalizzazione dei processi aziendali

Leggi
News
6 Agosto 2020

CHIUSURA ESTIVA 2020 FABER SYSTEM

Leggi