Regime forfettario: novità 2022 e fatturazione elettronica
News
31 Marzo 2022

Regime forfettario: novità 2022 e fatturazione elettronica

Nel 2022 per i forfettari, oltre a nuovi requisiti di accesso al regime di agevolazioni, il Governo prevede l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica.

Cosa significa partita IVA a regime forfettario?

Il regime forfettario è un regime fiscale agevolato che permette, a persone fisiche che esercitano un’attività di impresa, arte o professione in forma individuale, di godere di agevolazioni fiscali e contabili

Oltre ad una riduzione delle imposte infatti, il regime forfettario ad oggi prevede una serie di agevolazioni quali:

  • esenzione IVA
  • esonero dall’uso della fatturazione elettronica
  • esenzione da esterometro, studi di settore, ecc.
  • esonero dall’uso della firma digitale
  • contabilità semplificata (ad es. non occorre registrare fatture e corrispettivi)

Trattandosi di un regime particolarmente vantaggioso, sono previste delle regole d’accesso e di mantenimento che ne limitano l’utilizzo.

Chi può accedere al regime forfettario dal 2022?

Potranno accedere al regime forfettario tutti i soggetti titolari di un’attività d’impresa, arte o professione, purché siano in possesso dei requisiti stabiliti dalla legge:

  • Limite dei compensi e dei ricavi

La Legge di Bilancio 2020 ha confermato per il 2022 la “flat tax”, ovvero l’applicazione di un’aliquota di tassazione fissa su ricavi e compensi fino a un massimo di 65.000 euro annui, al 5% per le start up e al 15% per le altre partite IVA.

Di seguito i valori soglia dei ricavi/compensi per attività:

ricavi e compensi attività forfettari

(tabella ripresa da Circolare n. 10/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate)

  • Limite sulle spese per collaboratori e dipendenti

Per l’applicabilità del forfettario, la somma di queste spese non deve superare i 20.000 euro lordi per lavoro accessorio, lavoro dipendente e per compensi erogati ai collaboratori.

Non si tratta di una vera e propria novità: questo limite, con una soglia più bassa, esisteva già in passato ed era stato abolito nel 2019. La Legge di Bilancio 2020 ha reintrodotto questo requisito elevando il limite a 20.000 euro.

  • Limite sul reddito massimo percepibile da lavoro dipendente

I possessori di partita IVA, per rientrare nel regime forfettario, non devono aver percepito oltre i 30.000 euro lordi di redditi da lavoro dipendente o da pensione.

Dal 2022 oltre a nuovi requisiti di accesso, è stata introdotta anche l’ipotesi di estendere l’obbligo di fatturazione elettronica anche ai possessori di partita IVA in regime forfettario.

Il governo italiano infatti, nella relazione del 5 Novembre 2021 presentata al Consiglio Europeo, oltre a chiedere la proroga dell’obbligo di fatturazione elettronica fino al 31 dicembre 2024, ha richiesto anche di estendere l’obbligo di fatturazione elettronica ai forfettari sostenendo una serie di ragioni quali:

  • Contrasto dell’evasione fiscale
  • Semplificazione delle procedure legate all’obbligo tributario
  • Rendere più efficiente la riscossione fiscale

La richiesta è stata approvata il 13 Dicembre 2021 dal Consiglio dell’unione Europea ma al momento non è stata ancora emanata una normativa ( Gazzetta Ufficiale Europea, L 454 del 17 dicembre 2021. )

Questo significa che, fino a data da destinarsi, chi è in regime forfettario può continuare ad emettere fatture cartacee senza l’obbligo di:

  • emettere o ricevere fatture in formato elettronico nei rapporti con le imprese (B2B) e con i consumatori privati (B2C), ma è obbligato a farlo verso la Pubblica Amministrazione.
  • conservare le fatture elettroniche utilizzando la conservazione sostitutiva: è tenuto a conservare le fatture di acquisto in formato cartaceo, anche se le ha ricevute tramite PEC o Codice destinatario.

Queste condizioni di agevolazione però sono prossime a cambiare per i contribuenti forfettari

Quali sono i vantaggi della fatturazione elettronica per i forfettari?

Sono diversi i benefici che un forfettario può trarre con il passaggio alla fatturazione elettronica. In particolare, uno dei vantaggi per i contribuenti forfettari è quello di agevolare i rapporti con i soggetti possessori di partita IVA che, già dal 2019, hanno l’obbligo di fatturazione elettronica.

Ad oggi, questi ultimi quando si trovano a lavorare con un forfettario devono:

  • generare la fattura elettronica, inviarla allo SdI, creare una copia analogica e inviarla al forfettario;
  • ricevere la fattura “cartacea” dal forfettario e registrarla a parte rispetto ai documenti ricevuti in forma elettronica.

Con l’estensione dell’obbligo anche per i forfettari, queste procedure si annullano, rendendo più immediati i rapporti commerciali.

Un altro vantaggio è quello di facilitare la gestione delle fatture emettendole e ricevendole da un unico software.

Attualmente, un forfettario che ricorre alla fatturazione tradizionale:

  • compila la fattura in formato cartaceo o in formato PDF e, pronta la fattura, la invia al cliente tramite mail.
  • Riceve le fatture dai fornitori via mail, oppure se provvisto, tramite PEC o Codice Destinatario abbinati univocamente alla sua partita IVA
  • Qualsiasi sia il metodo di ricezione, il forfettario conserva le fatture in formato cartaceo

Con il passaggio alla fatturazione elettronica invece:

  • Potrà accedere al software, compilare la fattura e inviarla al Sistema di Interscambio (SdI), quindi direttamente al destinatario.
  • Ricevere le fatture nel software e registrarle in pochi istanti.
  • Portare in Conservazione sostitutiva le fatture in formato digitale.

Questi sono solo due dei vantaggi di cui potranno godere i contribuenti forfettari.

A questo punto, si attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per confermare il passaggio alla fatturazione elettronica.

In ogni caso, è bene farsi trovare pronti e sapere esattamente cosa fare nel momento in cui la disposizione diventerà effettiva.

 

Scopri di più sui servizi di fatturazione elettronica proposti da Faber System

 

Webinar
4 Luglio 2022

WEBINAR 21.07.22 – WAM SIGN: la digitalizzazione dei documenti con firma digitale e workflow approvativi

Leggi
Webinar
4 Luglio 2022

WEBINAR 13.07.22 – LE CESSIONI DI BENI INTRA CEE e EXTRA CEE: il servizio WAM CMR / MRN

Leggi
Webinar
15 Giugno 2022

WEBINAR 29.06.22 – WAM BLOCKCHAIN: che cos’è, come funziona e quali sono le sue applicazioni oggi

Leggi